Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

veneri2_copia

Artista nato a Verona nel 1943 Giancarlo Veneri ha operato sul territorio nazionale dal 1964 fino alla sua morte, nel 2007, attraversando le correnti più rappresentative e utilizzando tutti i mezzi espressivi messi a disposizione da un quarantennio pieno di sensibili mutamenti.
Indagatore della Pop Art dal 1966 al '68 e testimone dell’arte povera dal 1968 ai primi anni '70, ha offerto il suo contributo disincantato ai movimenti più vitali dell’epoca spaziando dalla pittura alla scultura, dall’happening all’audiovisivo,  con incursioni nel mondo della scenografia teatrale, dell’illuminotecnica, del fumetto e della grafica, concedendosi ad ogni linguaggio e tecnica con incontaminata generosità.
Al primo periodo fortemente improntato a una visione critica della società ha opposto negli anni a seguire un mondo poetico quasi intimista, permeato da uno sguardo fanciullesco commosso e ironico.
Il tema delle nuvole, caratteristico delle prime pulsioni dialettiche, si è andato stemperando nella rapida successione degli alberi, nella serialità mai ripetuta dei cuori, per concludersi nella sequenza spinosa dei cactus, raffigurati ed esposti per la loro infinita singolarità.


 

BREVE CATALOGO OPERE


02_sono_una_ragazza_y_y          13_installazione_gommapiuma_cavo_dacciaio          17_BARCA
Sono un ragazza yè-yè 1967                          Installazione gommapiuma-cavo d'acciaio 1968                                 Happening "La barca" 1969

...Veneri lavora sul diverso e il separato. Questa è una tattica comune alla maggior parte delle attuali operazioni: rompere il discorso e con esso l'uniforme linguistica che il mercato strumentalizza in funzione di codice; aprirsi a un operare non mediato, con atti separati e contingenti; se l'arte è ancora separata dalla vita, divisa tra teoria e prassi, l'artista ne assume coscienza piena fino a farne un linguaggio: immediatezza e separatezza sono la reale struttura linguistica di queste ricerche, ben oltre la coerenza di stile e la responsabilità formale...
da un testo di Tommaso Trini da 1 quaderno gall. Ferrari personale ottobre 1968

 

32_non_mi_avrete_mai                43_alpha_centauri                52_Baba_Yaga-part2
Non mi avrete mai 1968-1980                                                         Apha Centauri 1985                                                                                Baba-Yaga 1994

...Giancarlo Veneri non lascia proprio nulla fuori dalla sua porta: nella casa della sua pittura entrano a frotte i sentimenti di ogni giorno, le dissaventure e le gioie, le immagini di morte e di sopraffazione come le immagini della dolcezza e degli incontri felici. La pittura di Veneri ha molte facce, molti vestiti, assume insomma le forme più diverse, attraversando anche le tecniche più diverse...
da un testo scritto da Mario Cossali per il catalogo della mostra "Dal progetto all'opera" New York 1996

 

60_cuore-cubo                               62_ceck-point                              64_no_wars
Cuore-Cubo 2004                                                                          Check Point 2006                                                No Wars (Installazione) 1990 - 2006

...ciò che ne esce è ancora un connubio tra anima nera e anima bella, tra guerra e pace, tra aggressività e conciliazione, tra punte acuminate e colori solari. E alla fine, non c'è niente da fare, prevale sempre la seconda voce, quella bonaria, pacifica, divertita, colorata. Oltretutto, nel caso delle lance, non aveva scelta Veneri, altrimenti sarebbe caduto anche lui nella trappola di rispondere alle armi con altre armi, pericolose in virtù degli stessi meccanismi, invece così i meccanismi sono cambiati e si può finalmente innescare un gioco diverso e nuovo...
da un testo scritto per la mostra personale di Giancarlo Veneri all'ex Arsenale austriaco di Verona, aprile 2006.

 


SITO UFFICIALE

responsabile archivio: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
powered by social2s