Venerdì, 15 Settembre 2017 09:33

Armando Testa: arte vs pubblicità

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una delle mostre che non potevo mancare di vedere è quella di Armando Testa in corso al Mart  fino al 15 ottobre 2017. E non mi ha deluso. Conoscevo il pubblicitario pioniere e geniale, la sua passione e le sue frequentazioni dell'arte contemporanea. Essendo io della generazione “a letto dopo Carosello” ho anche vissuto in diretta la sua cultura visiva. E come tanti della mia generazione ricordo ancora qualche “spot”.
La mostra quindi è stata l'occasione per una “rilettura” e per un approfondimento del suo lavoro come pubblicitario (con i video in cui A.T. esplicitava il suo pensiero): spot che ricordavo e altri ovviamente che erano rimasti sepolti dal bombardamento di immagini che ormai quotidianamente subiamo. Ma la mia curiosità è stata colpita soprattutto dai suoi lavori come artista, che non avevo mai avuto l'occasione di vedere.
Tra tutti basterebbe ricordare le sue croci... collocate alla fine del percorso espositivo.
Semplicemente belle, essenziali e potenti!

Letto 2384 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Marzo 2018 14:10
Il Blog di Mara

"Parole e immagini" potrebbe essere il leitmotiv di questo blog. Parole perchè si tratta sempre di pensieri stringati, minimi, appuntati su eventi che ho vissuto o che mi hanno stimolato. Immagini, perchè quelle scelte sono in maggioranza “immagini” derivate dal mondo dell'arte contemporanea per tanti anni il mio ambiente lavorativo (presso Giancarlo Politi Editore). Un “mondo”, l'arte contemporanea, che è una delle passioni che condivido con mio marito Luigi Meneghelli (critico d'arte): un mondo fatto di immagini fisse e in movimento, di contaminazioni, di luoghi... di persone.

www.veronalive.it
Devi effettuare il login per inviare commenti