merilao-770x400

Venerdì 30 ottobre ore 21 il Teatro Laboratorio ospita Meri Lao

Enrico de Angelis, scrittore e giornalista, nonché responsabile artistico del Club Tenco, dialogherà con l'artista che ha trascorso una vitacon la musica e i libri.

Libri fortunati fra l’America Latina ribelle e le streghe, le sirene e il femminile oscuro, lavoro esaltante con Fellini, potenzialità espressive e comiche del bilinguismo, il Dizionario maniacale del sette (ultima fatica letteraria), il monologo didattico cabarettistico “Tango & Café con pan”.Milanese di nascita, prima infanzia a Buenos Aires, poi a Montevideo, a 17 anni conosce Pablo Neruda e poco più che adolescente si impegna nel giornale «Italia Libera» e nella «Voce Italiana», programma radiofonico di cui cura la rubrica letteraria e musicale. Sperimentatrice, è scrittrice e musicista da sempre. Eternamente in viaggio tra Parigi, America Latina, Roma, dopo gli anni trascorsi a Cuba tra 1969 e il 1971 (quel periodo di intenso fervore politico e sociale la vede impegnata nella traduzione spagnola di “Lettera a una professoressa” di Don Milani, che conoscerà ripetute edizioni in Uruguay e Argentina), Meri Lao torna definitivamente a Roma, dove l'amicizia con Astor Piazzolla (che affida a lei la scrittura di tutti i suoi programmi di sala in Italia e in Svizzera) inaugura uno dei filoni principali della sua sfaccettata

powered by social2s
Cina-Bandiera


Giovedì 5 novembre 2015 alle 18 Centro Studi Campostrini Via S. Maria in Organo, 2, Verona

Prosegue (fino al 18 novembre) la riflessione promossa dalla Fondazione Centro Studi Campostrini sulle principali aree geopolitiche del pianeta

Dal crollo del muro di Berlino (1989), la situazione geopolitica mondiale sta evolvendo verso un nuovo assetto, per ora ancora privo di un centro e di una sua stabilità. Molte sono le aree del pianeta che presentano pericolose criticità e diversi i paesi che legittimamente o meno ambiscono ad un riconoscimento e a un ruolo internazionale. La Fondazione Centro Studi Campostrini ha scelto di discutere su tre punti focali, iniziando dalla Russia con Geminello Alvi, economista e saggista, giovedì 29 ottobre alle 18, in via Santa Maria in Organo, 2, a Verona. Modera Davide Assael, ingresso libero.

Oltre alla Russia, afflitta da sanzioni dall'Occidente che hanno fatto riemergere un crescente nazionalismo ed antiche teorie slavofile, si parlerà poi mercoledì 4 novembre alle 18 con Riccardo Redaelli dell’Università Cattolica di Milano, di Medio Oriente, i cui confini sembrano sempre più incerti a causa dell'avanzata dell'Isis e di guerre civili che hanno portato al collasso consolidate realtà nazionali. E si conclude il ciclo con la Cina, sempre più candidata a spartirsi con gli Stati Uniti il ruolo di Paese guida

powered by social2s
scultura_grande_guerraLa scultura a verona  nell’epoca della grande guerra

Quarto appuntamento: Gli Spazzi, una famiglia di scultori
dalla Val d’Intelvi a Verona A cura di Camilla Bertoni

Mercoledì 28 ottobre 2015, ore 17.30,  Biblioteca Civica di Verona, sala Teologia. In programma incontri fino al 16 marzo 2016

Dopo la presentazione del libro di Giorgio Trevisan, Memorie della Grande Guerra, e i due incontri dedicati alla scultura di Mario Salazzari e Ruggero Dondé (a cura di Cristina Beltrami), riprende il 28 ottobre in Biblioteca Civica il ciclo di conferenze dedicate alla scultura a Verona nell’epoca della Grande Guerra. Gli incontri sono stato organizzati dall’Associazione Culturale Mario Salazzari che dedica la propria attività di ricerca alla valorizzazione dell’arte del ‘900 a Verona, con particolare riguardo alla scultura e all’opera di Mario Salazzari, autore di diversi monumenti commemorativi. Sarà presentato in questa occasione il sito www.mario-salazzari.org, l’archivio elettronico della sua opera che si inserisce nel progetto più ampio dell’Archivio della scultura veronese dell’Ottocento e del Novecento (www.archivio-scultura-veronese.org).
Una fioritura di monumenti, quasi trecento, esplode nel Veronese a partire dal 1919: i comitati per la commemorazione dei Caduti della Grande Guerra si attivano in tutta la Provincia riuscendo a erigere un monumento, un obelisco o una targa sulle piazze di ogni luogo, anche il più sperduto, del
powered by social2s
Sironi_Agricoltore_P_photobyDDemonte_wg


Scopri i capolavori della Galleria d'Arte Moderna Achille Forti, Palazzo della Ragione - 1, 20, 27 ottobre 2015

PAOLO BOLPAGNI
MARTEDÌ 13 OTTOBRE ore 16.30
Pittura e fascismo tra Italia ed Europa

Paolo Bolpagni parte dall'analisi dell'opera di Mario Sironi artista che, in coincidenza con il consolidarsi e il culminare della dittatura fascista, si orienta verso una monumentalità primordiale, di rivendicata italianità, espressa in vaste imprese decorative. Prosegue con personaggi come Filippo de Pisis e Alberto Savinio la cui opera, seppur collocata nel medesimo contesto storico, ha una vocazione internazionale slegata totalmente dagli accadimenti storici del loro Paese. Da ultimo si concentra su Giorgio Morandi che porta avanti il suo personale percorso alla ricerca dell'autentica natura delle cose.

Paolo Bolpagni, ricercatore in Storia dell’arte contemporanea all’Università degli Studi eCampus




I prossimi appuntamenti
MARTEDÌ 20 OTTOBRE
ROBERTO PASINI
Docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università degli Studi di Verona
La nascita dell’Arte Informale in Italia

MARTEDÌ 27 OTTOBRE
GIANFRANCO MARANIELLO
Direttore del Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
Il museo e la critica istituzionale 
Tutti gli incontri si svolgeranno alle ore 16.30 alla GAM Achille Forti a Palazzo della Ragione.
La partecipazione è compresa nel prezzo del biglietto d'ingresso alla Galleria.

Si consiglia la prenotazione anticipata al 045 8001903  
informazioni generali
Palazzo della Ragione
Galleria d’Arte

powered by social2s
Ingrid-in-Casablanca-ingrid-bergman-29563073-700-547

30 settembre (ore 21,00) Una star disciplinata: il periodo Hollywoodiano
7 ottobre (ore 21,00) La diva e il maestro: da Roberto Rossellini a Ingmar Bergman

Relatore: Alberto Scandola, Docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università di Verona
Gli incontri si terranno in Sala Farinati ad INGRESSO LIBERO
Biblioteca Civica - Via Cappello 43 - Verona

 

Quest’anno ricorre il centenario della nascita di Ingrid Bergman, forse la più completa delle star hollywoodiane del secolo scorso.
Dalle atmosfere vellutate del romanticismo nordico (Intermezzo) al male di vivere dei personaggi rosselliniani (Viaggio in Italia),dagli intrighi psicanalitici di Hitchcock (Io ti salverò) all’orrore interiore di Ingmar Bergman (Sinfonia d’autunno), Ingrid Bergman ha attraversato generi e autori incarnando, con un esemplare rigore interpretativo tutti gli spettri del femminino: dalla fanciulla innamorata all’amante spregiudicata, dalla moglie fedele alla santa.

per maggiori informazioni cliccare qui

powered by social2s
chiostro_san_fermo

Sabato 19 e domenica 20 settembre 2015 , in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, la Soprintendenza belle arti e paesaggio di Verona, Rovigo e Vicenza aprirà eccezionalmente al pubblico le proprie sedi: i complessi monumentali di San Fermo e della ex Dogana di terra, con il suo laboratorio di restauro.

Il pubblico sarà accompagnato dai funzionari della Soprintendenza nelle visite guidate (una al mattino alle ore 10.30; l’altra al pomeriggio alle ore 15.30) ai due importanti edifici. Il percorso nel chiostro dell’ex convento di San Fermo Maggiore affiancato alla basilica, prevede anche la visita alla galleria dei modelli sanmicheliani realizzati per volontà del soprintendente Piero Gazzola .

Al Palazzo della ex Dogana, oltre alla visita guidata all’edificio e al laboratorio di restauro, sarà possibile, grazie anche alla collaborazione avviata con la Fondazione Roi di Vicenza, condividere l’attività di diagnostica effettuata sul ciclo di dipinti di epoca seicentesca, conservato nella cappella del Rosario della Chiesa di Santa Corona di Vicenza. E’ in corso, infatti, ad opera dei restauratori e dei tecnici della Soprintendenza, un’approfondita campagna di indagini scientifiche e radiografiche sui dipinti per conoscerne a fondo le tecniche esecutive.

I visitatori potranno inoltre approfondire la conoscenza di queste opere, alcune delle quali attribuite ad Alessandro Maganza, grazie agli apparati informativi che saranno

powered by social2s