o-CORRADO-AUGIAS-facebook-1000x400

Rimandato l'incontro del 28 Aprile 2015 ore 21.00 Piccolo Teatro di Giulietta

Corrado Augias presenta il suo ultimo libro

Ingresso libero
Al termine della presentazione l’autore è a disposizione per firmare le copie

 

Il lato oscuro del cuore è quello che non possiamo governare. È il luogo in cui si annidano i sentimenti rimossi, pronti a risvegliarsi e scompigliare i destini. L'incontro fra due donne che non si assomigliano dà vita a un noir filosofico e inconsueto, un viaggio nelle profondità dell'inconscio e nella storia della sottomissione femminile.
Tra solitudine e connivenze, dolcezza e violenza, brutalità e passione.Ingresso libero


Al termine della presentazione l’autore è a disposizione per firmare le copie

Gli incontri sono stati realizzati dal Teatro Stabile di Verona e le librerie Jolly di Verona e Bonturi di San Bonifacio, con la collaborazione di Amia.

powered by social2s
lo_cascio

Giovedì 23 aprile 2015, ore 18.30 Teatro SS. Trinità  v ia SS. Trinità, 4 

Luigi Lo Cascio  racconta il progetto  Lisca Bianca e Le  isole lontane di Sergio Albeggiani

Fondazione San Zeno

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

 

Incontro Reading

Arriva anche a Verona Le isole lontane di Sergio Albeggiani, il viaggio oceanico intorno al mondo di una coppia di siciliani a bordo del loro piccolo, ma resistente veliero. Un intenso racconto d’amore per la libertà e punto di partenza del Progetto LiscaBianca, in corso a Palermo, per il recupero e l’inclusione sociale attraverso la navigazione a vela. Sarà l’attore Luigi Lo Cascio, sostenitore del progetto, a raccontare al pubblico di Verona le molte storie de Le isole lontane.
Intervengono:
Rita Ruffoli, Fondazione San Zeno
Nadia Lodato e Elio Lo Cascio, Ass. LiscaBianca
Alessandro Padovani, Istituto Don Calabria

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

powered by social2s
pier_paolo_pasolini-maturit


Iniziative della rassegna dedicata a Pier Paolo Pasolini Verona, 21 aprile - 10 maggio 2015 Letteratura Cinema Poesia Teatro

 


 


Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Facebook: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Twitter: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Comune di Verona

Area Cultura e Turismo - Verona Film Festival
Via Leoncino 6 - 37121 Verona
tel 045 8005348 fax 045 593762
www.comune.verona.it

powered by social2s
idem_2015_

Mercoledi 15 aprile 2015 ore 21,00 Teatro Filarmonico  Beppe Severgnini

Viaggi,saggi,miraggi Scrittori e giirnalisti in movimento

“Se una notte d’inverno un viaggiatore” trasmutasse la cartografia in letteratura, la cronaca in passione, la realtà in ironia.
Da Melville a Pasolini e Calvino: oltre la linea d’ombra, lungo diari editi che smentiscono dati asseriti dai ministeri del turismo, “au bout de la nuit”.
Visioni e invenzioni. Scritti d’occasione come classici letterari.
Lo straniero è dentro di noi, abbandona il convoglio fermo, scrive in movimento.

Dialoga:
Alessandra Zecchini

Allestimento e letture:
Stefania Chiale

Interventi musicali:
Wood Quartet

 

 

Tra febbraio e maggio 2015, cinque eventi: il 19 gennaio si apre la settima edizione della rassegna, che avrà come tema "la fusione delle arti"; ospite Giancarlo Giannini, dal teatro shakespeariano al cinema della grande Commedia all’italianail 3 febbraio Lella Costa con uno spettacolo teatrale ideato per la rassegna sulla Signora delle camelie e Alice nel paese delle meraviglie; il 23 marzo Philippe Daverio sul connubio tra la pop art di Andy Warhol e il rock di Lou Reed e i Velvet Underground; il 15 aprile Beppe Severgnini su viaggio e scrittura, giornalismo e classici letterari; il 16 maggio spettacolo teatrale di Fabrizio Gifuni sulla personalità e l’opera di Carlo Emilio Gadda tra letteratura e teatro.La nuova sede, il
powered by social2s
calabresi

Presentazione del libro di Mario Calabresi, direttore de La Stampa, a Verona lunedì 13 aprile alle ore 18 al Teatro Nuovo (piazza Viviani, 10).

Accompagneranno l'incontro con l'Autore le letture di Giuseppe Battiston, attore.

C'è anche Medici con l'Africa Cuamm lungo la pista che porta l'autore sulle tracce di "ragazzi che non hanno avuto paura di diventare grandi": il racconto prende il via, infatti, dall’esperienza di Gigi Rho e Mirella Capra, due giovani medici che, all’indomani del matrimonio nei primi anni Settanta, decidono di partire con il Cuamm; destinazione Karamoja, Uganda. Gianluigi e Mirella si sposano a Milano nei primi anni Settanta.

Lui è ginecologo, lei è pediatra. Si sono appena laureati, hanno poco più di vent'anni. Stilano una lista di nozze molto particolare: invece di argenteria e servizi di piatti e bicchieri, chiedono attrezzature da sala operatoria per un reparto maternità che non esiste ancora ma che loro contribuiranno a creare e a far crescere in anni di durissimo ma gioioso lavoro. Mirella, il 15 luglio 1970, dopo la prima visita all'ospedale in costruzione, scrive una lettera a casa in cui, dopo aver evidenziato una lunga lista di problemi, conclude: "Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa". Mario Calabresi conosce questa storia da quando è bambino: Gigi e Mirella

powered by social2s
Fumane_Villa-Della-Torre

Il ruolo delle Ville Venete nella Grande Guerra, è un'iniziativa in programma dall'11 aprile al 23 maggio presso alcune Ville Veneteche ha l'obiettivo di presentare, attraverso delle visite guidate e dei momenti di approfondimento, il ruolo che questi fiori all'occhiello del patrimonio storico, artistico e paesaggistico regionale, hanno assunto durante il primo conflitto mondiale.

Uno degli incontri si terrà a Verona, presso Villa della Torre di Fumane. L'8 maggio è in programma una visita guidata e l'incontro dal titolo “Affamati, assetati e disperati: il cibo nella Grande Guerra”.

Da centri amministrativi della produzione agricola a residenze estive della nobiltà veneta tra il XV e il XIX secolo, moltissime Ville Venete nel corso della Prima Guerra Mondiale acquisirono nuove funzioni divenendo sedi di comando di corpi d’armata, ospedali militari e luoghi di ricovero.


Il ruolo delle Ville Venete nella Grande Guerra, iniziativa organizzata da Fondazione Aida su progetto del prof. Gianni Moriani, con il sostegno della Regione del Veneto, nell’ambito del programma per le commemorazioni del centenario della Grande Guerra, e di Pixartprinting, ha l'obiettivo di presentare al pubblico il ruolo che queste hanno assunto durante il primo conflitto mondiale.Dall' 11 aprile al 23 maggio sono in programma quattro incontri, rispettivamente a Bassano del Grappa (Vicenza) - Villa Cà Rizzo Luca, Fumane (Verona) - Villa

powered by social2s