calabresi

Presentazione del libro di Mario Calabresi, direttore de La Stampa, a Verona lunedì 13 aprile alle ore 18 al Teatro Nuovo (piazza Viviani, 10).

Accompagneranno l'incontro con l'Autore le letture di Giuseppe Battiston, attore.

C'è anche Medici con l'Africa Cuamm lungo la pista che porta l'autore sulle tracce di "ragazzi che non hanno avuto paura di diventare grandi": il racconto prende il via, infatti, dall’esperienza di Gigi Rho e Mirella Capra, due giovani medici che, all’indomani del matrimonio nei primi anni Settanta, decidono di partire con il Cuamm; destinazione Karamoja, Uganda. Gianluigi e Mirella si sposano a Milano nei primi anni Settanta.

Lui è ginecologo, lei è pediatra. Si sono appena laureati, hanno poco più di vent'anni. Stilano una lista di nozze molto particolare: invece di argenteria e servizi di piatti e bicchieri, chiedono attrezzature da sala operatoria per un reparto maternità che non esiste ancora ma che loro contribuiranno a creare e a far crescere in anni di durissimo ma gioioso lavoro. Mirella, il 15 luglio 1970, dopo la prima visita all'ospedale in costruzione, scrive una lettera a casa in cui, dopo aver evidenziato una lunga lista di problemi, conclude: "Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa". Mario Calabresi conosce questa storia da quando è bambino: Gigi e Mirella

powered by social2s
Fumane_Villa-Della-Torre

Il ruolo delle Ville Venete nella Grande Guerra, è un'iniziativa in programma dall'11 aprile al 23 maggio presso alcune Ville Veneteche ha l'obiettivo di presentare, attraverso delle visite guidate e dei momenti di approfondimento, il ruolo che questi fiori all'occhiello del patrimonio storico, artistico e paesaggistico regionale, hanno assunto durante il primo conflitto mondiale.

Uno degli incontri si terrà a Verona, presso Villa della Torre di Fumane. L'8 maggio è in programma una visita guidata e l'incontro dal titolo “Affamati, assetati e disperati: il cibo nella Grande Guerra”.

Da centri amministrativi della produzione agricola a residenze estive della nobiltà veneta tra il XV e il XIX secolo, moltissime Ville Venete nel corso della Prima Guerra Mondiale acquisirono nuove funzioni divenendo sedi di comando di corpi d’armata, ospedali militari e luoghi di ricovero.


Il ruolo delle Ville Venete nella Grande Guerra, iniziativa organizzata da Fondazione Aida su progetto del prof. Gianni Moriani, con il sostegno della Regione del Veneto, nell’ambito del programma per le commemorazioni del centenario della Grande Guerra, e di Pixartprinting, ha l'obiettivo di presentare al pubblico il ruolo che queste hanno assunto durante il primo conflitto mondiale.Dall' 11 aprile al 23 maggio sono in programma quattro incontri, rispettivamente a Bassano del Grappa (Vicenza) - Villa Cà Rizzo Luca, Fumane (Verona) - Villa

powered by social2s
cuba

Libreria Libre in via Scrimiari 51b, giovedì 2 aprile alle 18.00.

Presentazione del libro di Alessandra Riccio

Un libro che da una prospettiva del tutto insolita e originale, aiuta a comprendere dall’interno la meravigliosa complessità della Perla dei Caraibi.


Poeti, artisti, scrittori, cineasti cubani noti e meno noti; e poi la bambina namibiana scampata all’esercito sudafricano; la piccola angolana mutilata che corre ad abbracciare Fidel: sono loro e molti altri a popolare i Racconti di Cuba di Alessandra Riccio che questa volta, abbandonando i panni della critica letteraria, si lascia andare a una prosa lieve e vibrante. Dagli anni della “giovane e spavalda” Rivoluzione alla crisi del “periodo speciale” passando per la guerra in Angola, tra momenti di grande effervescenza e crisi profonda, la storia di Cuba è riletta attraverso i frammenti di vita di uomini e donne che ne hanno segnato profondamente la storia e la cultura.
Diciotto racconti di vita vera che, come le tessere di un mosaico, vanno a ricomporre la quotidianità degli abitanti di una Cuba multietnica, povera ma al contempo ricca, visceralmente amata e odiata, laica o credente, passata attraverso dittatura e rivoluzione, il tormento e mille altre contraddizioni. Sullo sfondo non sbiadiscono mai la vivacità dell’isola caraibica, i colori delle strade dell’Avana, l’impetuosità del mar Caribe.

powered by social2s
Societ_Letteraria

30 marzo, 13 e 28 aprile, 11 maggio 2015, Società Letteraria, Creare un ponte tra Italia, Europa e Cina alla scoperta di storia, cibo e cultura

Al via il ciclo di incontri organizzati dalla Società letteraria di Verona con l'ateneo scaligero e l'università Cà Foscari Venezia per viaggiare verso Oriente alla scoperta di storia, lingua, letteratura, arte, cibo e cultura per creare un ponte tra Italia, Europa e Cina. L'appuntamento è inserito in UniVeronaXexpo, il calendario di eventi proposti dall'università in occasione dell'esposizione universale di Milano.

Ad aprire gli incontri, lunedì 30 marzo alle 17.30, la presentazione del romanzo di Xu Zechen "Correndo attraverso Pechino". Oltre all'autore interverranno Roberta Facchinetti, direttrice del dipartimento di Lingue e letterature straniere e Paolo Magagnin, di Ca' Foscari.

Dopo la felice esperienza del ciclo d'incontri sui paesi Brics svoltosi nel 2013 la Società letteraria torna ad approfondire alcuni aspetti culturali legati in particolare alla Cina, promuovendo un nuovo ciclo d'incontri condiviso con il dipartimento di Lingue e letterature straniere di ateneo e con il dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa mediterranea dell'università Ca' Foscari. La collaborazione fra le tre istituzioni nasce dalla considerazione di quanto sia diffuso e vasto l'interesse intorno alla Cina e a tutto ciò che viene denominato in senso lato "mondo cinese", inteso come

powered by social2s
maria_maddalena


giovedì 19 marzo dalle 17 alle 20 Centro Studi Campostrini Via S. Maria in Organo, 2, Verona

Il seminario  curato e introdotto da Giovanni Pernigotto, collaboratore della Fondazione Centro Studi Campostrini, analizzerà la misteriosa figura e la recente rivalutazione della Maddalena, giovedì 19 marzo dalle 17 alle 20 in via Santa Maria in Organo, 4, a Verona. Ospiti e relatori del quarto appuntamento di Sfide del Cristianesimo nell’ambito del Centro Studi del Fenomeno religioso saranno Aldo Martin, dello Studio teologico di Vicenza, Milena Mariani, Fondazione Bruno Kessler, e Daniela Sarigu, formatrice e consulente aziendale.

Ingiustamente passata alla storia come la peccatrice, di recente rivalutata come presunta sposa del Cristo, la Maddalena rimane un soggetto misterioso, per certi versi poliedrico, dai mille volti. I testi evangelici, salvo qualche eccezione, ne parlano in forma indiretta, spesso inserendola nel gruppo delle altre donne al seguito di Gesù. Eppure la fede della Maddalena è di grande interesse e di grande attualità. «I tre relatori nella differenza di approccio che li contraddistingue presenteranno piste di approfondimento e di attualità sulla figura di Maria di Magdala – spiega Giovanni Pernigotto –. L'augurio è che la competenza e la creatività dei relatori permettano agli uditori di partecipare a un interessante e ricco pomeriggio di approfondimento».

Aldo Martin, biblista cattolico della

powered by social2s
carta_topografica_open4

7 marzo - 14 novembre 2015, Magazzino1, Via S. Teresa, 12

"Dalla carta al bit. Il futuro digitale è qui!" è il titolo della rassegna culturale "#Open4" con cui gli Ingegneri di Verona e Provincia si aprono alla cittadinanza con un calendario ricco di iniziative: convegni "professionali" divulgativi, mostre e incontri di approfondimento con un taglio sull'attualità, la storia, l'arte e la letteratura e visite tecniche che animeranno lungo tutto il 2015 gli spazi della sede dell'Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia ai Magazzini Generali (Magazzino1, Via Santa Teresa, 12).

 
Filo conduttore di Open4 i temi dell'Innovazione e del Futuro digitale, che già invade e pervade la nostra quotidianità: declinati e interpretati in molteplici ambiti della professione ma anche con uno sguardo attento all'attualità e a quegli eventi di richiamo nazionale e internazionale - EXPO 2015 e il Centenario della Grande Guerra (2014-2018) – che chiedono anche alla città di Verona di essere protagonista.
 
Dodici gli appuntamenti in programma da marzo a novembre, cui si aggiungono tre visite tecniche, aperte al pubblico, a impianti e centrali energetici innovativi.
L'intera Rassegna Open si è appropriata del titolo dell'evento che più rappresenta e testimonia, per approccio e contenuto, l'evoluzione tra passato e futuro, passando attraverso le straordinarie conquiste del "sapere tecnologico e digitale"
powered by social2s