Costantina Fiorini inizia a dipingere prestissimo come autodidatta e si diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia negli anni ’80, approfondendo in particolare l’iperrealismo e l’opera pittorica di Klimt e Schiele. Negli anni a seguire tocca tutte le tecniche pittoriche sviluppando una particolare predilezione per la pittura ad olio, per l’acquerello e per l’acrilico. Oltre ad essere una fine ritrattista, predilige da sempre la raffigurazione della natura (paesaggi, flora, fauna) in uno stile realistico ma molto personale. Il suo tratto distintivo è sicuramente il calore che sa trasmettere, frutto di una altissima preparazione tecnica, peraltro sempre in aggiornamento, e di un estrema spontaneità al tempo stesso. Dopo una lunga esperienza come illustratrice per note case editrici nazionali (Demetra, Giunti) approda all’insegnamento per alcune Università del Tempo Libero di comuni della provincia di Verona.

Dal 1a al 4 Settembre Villa Balladoro di Povegliano Veronese ospiterà le opere di Costantina Fiorini, attualmente docente di acquerello e pittura acrilica presso l’Università del Tempo Libero di Povegliano.

Costantina Fiorini propone alcune sue opere ad acquerello ed alcuni trompe-l’oeil a tecnica mista per far conoscere la propria opera pittorica. Lunghi anni di pratica e studio hanno dato vita ad uno stile molto personale che risulta, agli occhi dello spettatore, subito accattivante: da ogni opera traspare infatti una grande maestria tecnica

powered by social2s




dall' 8   luglio al 15 settembre


Quadri in apparenza freddamente e rigorosamente anonimi: in realtà costruiti da una follia gestuale ossessiva. Tele definite da righe orizzontali parallele che invadono lo spazio e che a loro volta sono attraversate da una serie di finissimi e impercettibili tratti verticali.

Interventi che “si vedono solo da molto vicino, migliaia su ogni riga, decine di migliaia su ogni quadro” (Panza di Biumo). Le opere di Max Cole (Kansas, 1937) a puro livello contemplativo sembrano limitarsi all’interazione tra linearità e superficie, a nero su bianco o nero su grigio, ma quel rituale che si ripete a ritoccare le linee rende la pittura carica di una sensorialità delicata ed evocativa. Per cui si può dire paradossalmente che l’intento dell’artista è sì riduttivo, ma anche “impressionistico”, in quanto mira a restituire al lavoro, oltre l’attualità e la manualità, la scoperta di una delicata intimità (un po’ come accade, seppure con altre soluzioni percettive, anche in un’altra artista americana, e cioè Agnes Martin): a contare non è il risultato formale, ma l’attività procedurale che la forma tiene in sé (e mostra) fino all’esito finale.




Data inizio: 17-07-2006
Data fine: 17-09-2006
Luogo: Studio la Città
Indirizzo: Via Dietro Filippini 2 - Verona
Link: http://www.studiolacitta.it/LaCitta/Artisti/index.php
powered by social2s

La Mostra illustra giochi, giocattoli ed oggetti ludici, caratterizzati tutti dal fatto di essere rielaborazioni di materiali naturali quali legno, osso, piume, conchiglie, ecc. I giochi presentati sono ricostruzioni di oggetti che, fin dai tempi più remoti, hanno appassionato e coinvolto fanciulli ed adulti.

Le vetrine sono suddivise in base ai diversi tipi di piante ed animali con cui sono costruiti gli strumenti ed i giocattoli esposti, e corredate da adeguate didascalie, fotografie, schede botaniche, schede zoologiche.

 

Sono inoltre, evidenziati tramite un opportuno apparato iconografico anche gli spunti archeologici e storici che emergono frequentemente nel percorso espositivo, trovando immagini correlate in ambito storico artistico. 

 

A completamento del discorso scientifico sono stati inseriti anche alcuni giochi od applicazioni ludiche, come le lanterne magiche, che indagano aspetti curiosi della fisica.

 

Per tutto il periodo della Mostra è possibile usufruire di un servizio di visite guidate appositamente ideate per scolaresche o gruppi/associazioni.

 

 




Data inizio: 14-03-2006
Data fine: 28-12-2006
Orario: ore 9.00 - 19-00
Luogo: Museo Civico di Storia Naturale di Verona
Indirizzo: Lungadige Porta Vittoria 9,
Telefono: 045/8012090
powered by social2s

La Fondazione Domus per l’arte moderna e contemporanea, propone le proprie opere di Giorgio Morandi inserite in un contesto ampliato che prefigura un possibile futuro assetto della collezione.

Venti dipinti: le rarissime Bagnanti, cinque paesaggi, un autoritratto, tredici nature morte costruiscono un tessuto che riassume il discorso poetico del pittore dal 1915 al 1960.

La mostra, occasione rara per ammirare alcune opere di uno dei maggiori artisti del XX secolo, è promossa dalla Fondazione Domus in collaborazione con il MART, Museo d’Arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Ingresso libero e catalogo gratuito.
Per informazioni e visite guidate gratuite;
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 045/8057433




Data inizio: 21-07-2006
Data fine: 21-10-2006
Orario: da lun. a sab. ore 10:30-12:30 e 16-19. Chiuso dom. e festivi
Luogo: Fondazione Domus
Indirizzo: Via Forti 3/a, Verona
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono: 045/8057433
powered by social2s

Inaugurazione sabato 26 agosto alle 18.00.
Nei padiglioni 20-21 dell’ex Arsenale.

La mostra, a cui parteciperanno venti artisti selezionati da una commissione composta da galleristi, critici, docenti, «dà la possibilità ai giovani che si cimentano nell’arte figurativa e astratta, nella fotografia, nella grafica, nei video e nella scultura  di trovare uno spazio per poter esporre le proprie opere» afferma la curatrice Alessandra Molon.

Uno spazio particolare, all’interno della manifestazione, sarà riservato alla sezione “Outsider Art”, che verrà presentata venerdi 1 settembre alle 18: un  progetto di Daniela Rosi, dedicato ad opere realizzate negli atelier all’aperto, in luoghi di cura in cui i pazienti hanno dimostrato particolari doti espressive e che sono stati seguiti in questo esperimento dagli studenti del biennio di specializzazione di pittura dell’Accademia di Belle Arti Cignaroli.

L’associazione “Spazio ai Giovani” darà invece vita a un laboratorio con l’obiettivo di riscoprire gli edifici e i luoghi della città che possono essere riqualificati e riutilizzati. La manifestazione, che proseguirà fino al 2 settembre, può contare su un ricco calendario: domenica 27 agosto l’autrice Luisa Bicego presenterà il suo libro “Il mondo è una filastrocca” con l’accompagnamento musicale di Luca Bicego mentre mercoledì 30 agosto, alle 18.30, è in programma un aperitivo-concerto dei Bossa Nova Messengers; venerdì 1 settembre sarà presentato il nuovo

powered by social2s

Il Museo d’Arte Donnaregina di Napoli, MADRE, ha in programma l’allestimento di una grande mostra retrospettiva sul lavoro di Jannis Kounellis, uno di maggiori protagonisti dell’arte italiana del secondo dopoguerra, dal 22 aprile al 04 settembre 2006.

L’esposizione, curata in stretta collaborazione con l’artista dal direttore del Museo Eduardo Cicelyn e dal capocuratore Mario Codognato, aspira a ricostruire i quasi cinquanta anni della sua prestigiosa carriera attraverso opere ed installazioni provenienti da musei, fondazioni e collezioni private di tutto il mondo e sarà accompagnata da un voluminoso catalogo illustrato e con saggi critici ed apparati bio-bibliografici in italiano ed inglese.

Nell’occasione è stato anche deciso di raccontare il sodalizio venticinquennale di Jannis Kounellis con la città di Napoli, attraverso la presentazione dei lavori più importanti esposti presso la galleria di Lucio Amelio tra il 1969 e il 1994 Kounellis lavora a Roma dalla fine degli anni Cinquanta e la sua prima esposizione ha luogo nel 1960 presso la Galleria La Tartaruga. Nei dipinti di quel periodo delinea parole, lettere, numeri, segni direzionali che campeggiano su superfici monocrome accogliendo i segnali visivi del contesto urbano nell’ambito dei linguaggi pittorici.

Nel 1968 partecipa alla rassegna “Arte Povera + Azioni Povere” presso gli Antichi Arsenali di Amalfi. Nel 1969 presenta la celebre opera con dodici cavalli vivi alla

powered by social2s

Inaugurazione: Giovedì 21 Settembre 2006 dalle ore18.00 alle 24.00.
Durata della mostra: dal 22 Settembre al 28 Ottobre 2006.

Byblos Art Gallery è lieta di presentare la mostra di Gaetano Pesce, architetto e designer di fama internazionale che, attraverso una sorta di ritorno alle origini - l'artista ha studiato Architettura e Industrial Design a Venezia - espone per la prima volta a Verona alcune delle opere più significative del suo percorso artistico. In occasione di Abitare il tempo, la manifestazione internazionale dedicata al design che si terrà a Verona dal 21 al 25 Settembre, Byblos Art Gallery inaugura una retrospettiva di uno dei più grandi maestri della creatività del nostro tempo presentando una trentina di opere che vanno dal 1969 al 2006.

Saranno in mostra alcuni dei modelli e dei disegni dei più significativi progetti ideati da Gaetano Pesce, tra cui la Maison des Enfants e la Rubber House, i Feltri, le lampade, i vasi e i modelli delle sedie e delle poltrone che hanno contribuito a rinnovare la storia del design italiano.

L'esposizione intende ripercorrere le tappe principali dell'opera dell'autore soffermandosi sulle questioni teoriche e filosofiche e sui nuovi metodi di rappresentazione che costituiscono i cardini della sua poetica.

Tutta la produzione di Gaetano Pesce si ispira ad un presupposto fondamentale che, come un

powered by social2s

dal  20 luglio  al 5 agosto 

La Gran Guardia apre alle mostre. In attesa della grande esposizione dedicata al Mantegna, il prestigioso Palazzo si prepara ad ospitare le mostre dedicate a due pittori veronesi: Giorgio Gaetano Adami e Alessandro Zenatello.

Come ha spiegato l’assessore alla Cultura, Maurizio Pedrazza Gorlero, «L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la prima Circoscrizione, vuole aprire la strada ad altre esposizioni dedicate ai maggiori artisti di casa nostra».

La presidente della prima Circoscrizione, Luisa Caregaro, nel ringraziare la Giunta comunale per la concessione della Gran Guardia, ha sottolineato «il valore dei due artisti veronesi che garantiscono con il loro prestigio l’utilizzo di uno spazio pubblico di prim’ordine».

La grande antologica dedicata ad Alessandro Zenatello, scomparso trent’anni fa, vuole invece rendere omaggio a uno degli artisti più significativi della città, la cui figura è stata rievocata dal figlio Sandro.

La mostra si aprirà il 20 luglio, sempre alle 18, e proseguirà sino al 5 agosto dal lunedì al giovedì, dalle 16 alle 20; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 20.

La rassegna, che raccoglie circa 70 opere, è suddivisa secondo precisi percorsi tematici, dalle figure ai paesaggi, dalle opere religiose ai ritratti. Catalogo con testi critici di Gaia Guarienti e Daniela Zumiani.

Ingresso libero.




Data inizio:
powered by social2s

Inaugurazione giovedi 6 luglio ore 18 Palazzo della Gran Guardia

La Gran Guardia apre alle mostre. In attesa della grande esposizione dedicata al Mantegna, il prestigioso Palazzo si prepara ad ospitare le mostre dedicate a due pittori veronesi: Giorgio Gaetano Adami e Alessandro Zenatello.

Come ha spiegato l’assessore alla Cultura, Maurizio Pedrazza Gorlero, «L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la prima Circoscrizione, vuole aprire la strada ad altre esposizioni dedicate ai maggiori artisti di casa nostra».

La presidente della prima Circoscrizione, Luisa Caregaro, nel ringraziare la Giunta comunale per la concessione della Gran Guardia, ha sottolineato «il valore dei due artisti veronesi che garantiscono con il loro prestigio l’utilizzo di uno spazio pubblico di prim’ordine».

Giorgio Gaetano Adami, presente alla conferenza stampa, celebra con questa rassegna i 50 anni di attività artistica, che l’ha portato ad esporre in Italia e all’estero. Una sessantina le opere in mostra, dai lavori giovanili a quelli più recenti. Inaugurazione giovedì 6 luglio alle 18. L’esposizione proseguirà sino al 18 luglio, dal lunedì al giovedì, dalle 16 alle 20; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 20. Accompagna la mostra una monografia con testo critico di Luigi Meneghelli.

ingresso libero.


Data inizio: 04-07-2006
Data fine: 18-07-2006
Luogo: Palazzo Gran Guardia
Indirizzo: Piazza Brà - Verona
powered by social2s

Inagurazione venerdi 23 giugno ore 18

catalogazione emozionale a cura di Nadia Melotti

Le opere di Lucia Maggio sono intensi e silenziosi sguardi negli spazi anonimi della vita quotidiana. Ciò che diventa consuetudine visiva, e per questo poco importante alla luce della storia, è per l’artista il luogo dell’identità.
L’artista riesce a fissare le emozioni che spesso i nostri occhi non sanno cogliere dietro a oggetti e gesti divenuti ripetitivi e famigliari. Sono spazi di solitudine e introspezione, sensualità e contemplazione e per questo sempre e unicamente luoghi d’intimità. Le immagini catturate sono personalizzate da una tecnica di realizzazione che trasforma la visione in uno stato d’animo ricco di lievi emozioni crepuscolari.

I materiali usati, legno, acrilico, plexiglas, resine, sembrano annullare nell’insieme la loro pesantezza e trasformare la percezione dell’immagine in un movimento fluido e armonioso.

La fotografia, come in alcuni suoi autoritratti, viene fissata dall’artista su plexiglas o acetati e riprodotta a più livelli sfalsati, la natura trasparente di questi materiali tecnici permettono alla luce  di scorrere all’interno, modificando continuamente la percezione dell’immagine. L’osservatore non vede così più un immagine, ma gli stati d’animo dell’artista e le emozioni che è riuscita a catturare e riprodurre in questo stato di oblio.        




Data inizio: 23-06-2006
Data fine: 06-07-2006
Luogo: Galleria Testoni, Verona
Indirizzo: Piazza Pozza
powered by social2s

Inaugurazione 30 giugno 2006 ore 21

Mostra di arte contemporanea a cura di Gaia Guarienti e associazione "Pilastro Art Farm"




Data inizio: 21-06-2006
Data fine: 08-07-2006
Luogo: Agriturismo "le Cadabese"
Indirizzo: Pilastro di Bonavigo
powered by social2s