DanteDante tra vecchio e nuovo mondo: la Spagna e i paesi latinoamericani
Palazzi Scaligeri , Piazza dei Signori, Verona
Sabato 16 ottobre 2010

Dopo l’Inghilterra tocca quest'anno alla Spagna. Qui è avvenuto da più di un secolo un incontro tra chi, lasciando l’Italia, andava cercando una vita migliore, e chi poteva offrire spazi immensi per costruire una società e un futuro di comune benessere. “Il nostro Risorgimento, le nostre radici -  ha ricordato il segretario generale della società, Alessandro Masi - sono in molti casi nel Sudamerica: Brasile, Uruguay, Cile, Perù e Argentina. In questi Paesi, tanti italiani divennero degli eroi perché cercavano libertà, democrazia e progresso”.

Un marinaio come esempio. Giuseppe Garibaldi, marinaio nizzardo, è il più noto esempio di come la lingua dantesca e i suoi ideali di libertà e concordia, non conoscano distinzioni di razza, colore e lingua e siano ugualmente validi nel vecchio nel nuovo mondo. Dante è poesia, sapienza e fede, ma anche lingua. Ed è questa che milioni di emigrati, in gran parte veneti, portarono con sé per riconoscersi e fondersi con chi, parlando spagnolo, manteneva vive le comuni origini latine.

Dante in Spagna, fra Boscà e de la Vega. Raffaele Pinto, cofondatore della Società catalana d’ Estudios Dantescos e parte del comitato di redazione della rivista di studi danteschi

powered by social2s
Ma_che_estate

giovedì 22, venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 luglio 2010

Il Centro Comboni Multimedia organizza per la città di Verona "Ma che estate 2010!" un’occasione, al quarto appuntamento, per vivere e immergersi per un intero weekend in un’atmosfera tutta africana.

* Giovedì 22 luglio ore 21.15 : proiezione all’aperto del film GOOD MORNING AMAN, un film di Claudio Noce con Valerio Mastandrea e Aman Said Sabrie.

* Venerdì 23 luglio ore 21.15 : spettacolo teatrale  ‘Invisibili’ di e con Mohamed Ba. Invisibili è uno spettacolo che ripercorre il cammino di due cittadini africani che incontrandosi su una spiaggia cercano di sopravvivere sognando una vita migliore altrove. Mohamed Ba conferma il suo ruolo di custode della tradizione africana e di innovatore che canta le contraddizioni storiche, sociali e politiche, i sogni, le speranze e le frustrazioni di persone e comunità, e dei loro percorsi in Africa e nei viaggi di migrazione. Mohamed Ba, noto attore, scrittore, musicista senegalese vive e lavora a Milano.  

* Sabato 24 luglio ore 21.15: spettacolo di danza e musica africana con l’Alleluya Band, direttamente dal Malawi. L'energia vitale di 13 giovani artisti, scatenata dai  ritmi del reggae e della rumba africana,  farà da cornice a un esaltante spettacolo, testimone dello spirito coinvolgente della cultura musicale africana. L’Allelulya Band

powered by social2s
bookcrossing

sabato 12 e domenica 13 giugno 2010

Si tiene il “Munz Verona 2010 - Meeting Nazionale Bookcrossing” organizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili in collaborazione con l’Associazione culturale Liber@mente . Il bookcrossing è la pratica di lasciare libri sulle panchine dei parchi, nei locali e nelle vie della città perché vengano letti da più persone possibili. “Il meeting, organizzato per la prima volta nella nostra città – spiega  l’assessore Alberto Benetti – vuole essere non solo un’occasione per far conoscere la storia e il funzionamento del bookcrossing ma,  soprattutto, per favorire nei più giovani, oggi più sensibili al mondo di internet, la lettura e la passione per i libri”.

Sabato 12 giugno, alle ore 10 a palazzo Barbieri, l’assessore alle Politiche giovanili incontrerà organizzatori e partecipanti al meeting; successivamente, a partire dalle ore 12 in piazza Bra, apertura del “chiosco di liberazione libri” dove, oltre a poter ricevere informazioni sul movimento del bookcrossing, saranno disponibili libri “liberi” per tutti. Nel pomeriggio la manifestazione prevede, alle ore 14.30, caccia al tesoro “letteraria”, con partenza dal chiosco in piazza Bra; alle ore 17.30 inaugurazione nuova zona di liberazione libri nella sede dell’Informagiovani in via Ponte Aleardi 15.

Domenica 13 giugno, alle ore 12 in piazza Bra, chiusura “chiosco di liberazione libri”. La festa dei libri proseguirà nel

powered by social2s
Verona_Futurista

mercoledì 26 maggio 2010, ore 18,  Sala Montanari,  Società Letteraria, piazzetta Scalette Rubiani 1, ingresso libero fino a esaurimento posti

La Società Letteraria in collaborazione con il Circolo dei Lettori di Verona, ospita l’Associazione Culturale 107 Cent Sept Arte&Territorio e Edizioni della vita Nova per la presentazione di tre pubblicazioni della collana Verona Futurista e precisamente:

Velivolare Poesie Futuriste, di Piero Anselmi, a cura di Paola Azzolini
Boccioni a Verona, con contribuito di Virginia Baradel, Paola Azzolini, Giulio Galetto, Camilla Bertoni, Giovanni Perez, Gabriello Anselmi
Al cavallino – Fonofotointervista  in un atto , da un inedito di Piero Anselmi con la ricostruzione-video DVD realizzata dal figlio Gabriello e ufficialmente dichiarata la scoperta del Centenario del Futurismo.

Intervengono:
Gabriello Anselmi         Presidente dell’Associazione Culturale “107 CentSept Arte&Territorio”           
Paola Azzolini               Critico letterario
Virginia Baradel           Critico e storica dell’arte      
Giovanni Perez             Editore e  storico del Novecento

Leggono per il Circolo dei Lettori di Verona:
Margherita Sciarretta e Ilenia Patuzzo

L’associazione Culturale “107 CentSept Arte&Territorio”si occupa del territorio sia come presenza storica, sia per le grandi energie inespresse che esso rappresenta. Nei suoi cinque anni di attività ha prodotto più di cinquanta interventi tra presentazioni, esposizioni e pubblicazioni. Tali manifestazioni che si sono tenute per lo più a Verona ma anche in altre città quali Roma, Milano, Toronto, Parigi. Il 2010 è stato completamente dedicato al

powered by social2s
Manuel__Aires_Mateus

martedì 4 maggio 2010, ore 20.30, Museo di Castelvecchio, Verona, Sala Boggian
Evento organizzato da Veronafiere nell’ambito delle attività culturali della 45° Marmomacc in collaborazione con il Comune di Verona, Assessorato alla Cultura Direzione Musei d’Arte e Monumenti, l’Ordine degli Architetti di Verona e la Facoltà di Architettura di Ferrara.

Manuel Aires Mateus nasce a Lisbona nel 1963 e ivi si laurea alla Facultad de Arquitectura de la Universidade Tecnica nel 1986. Inizia la collaborazione con l’architetto Gonçalo Byrne dal 1983, esperienza che si rivelerà fondamentale per la sua formazione professionale, finchè nel 1988 fonda con il fratello Francisco lo studio Aires Mateus & Associados.
Gli incarichi pubblici e privati, i numerosissimi premi e i concorsi internazionali vinti, le opere pubblicate sulle riviste di tutto il mondo, delineano i fratelli Aires Mateus quali figure emergenti della nuova architettura europea contraddistinte da una ricerca rigorosa e da una cura straordinaria nella qualità delle loro opere.
La formazione nell’ambiente culturale portoghese contrassegnato da personalità di peso internazionale come Tavora, Siza, Souto de Moura e Byrne non ha loro impedito o limitato la elaborazione di uno “stile” personale caratterizzato fin dall’inizio da una evidente riconoscibilità.

L’architettura di Aires Mateus, solo superficialmente riconducibile al “minimalismo” internazionale, si basa su una ricerca dello spazio e della materia che, pur riconoscendo

powered by social2s
Ambrosini_Tesori_Veronesi_01

24 e 25 aprile 2010, La pianura veronese: uno scrigno di fede tra terra e acqua, prima tappa della manifestazione a Gazzo Veronese

La manifestazione, voluta e sostenuta dall’assessorato ai Beni Ambientali, è stata realizzata grazie al supporto operativo della società Provincia di Verona Turismo e alla collaborazione con il dipartimento di Discipline Storiche Artistiche, Archeologiche e Geografiche dell’Università degli Studi di Verona.  Alla conferenza stampa erano presenti l’assessore alla Cultura del Comune di Verona Erminia Perbellini, l’assessore alla Cultura di Negrar Gianni Pozzani, il vicesindaco di Gazzo Giampaolo Boninsegna, l'assessore all'Istruzione del Comune di Peschiera Stefano Faccaroli, l’assessore alla Cultura del Comune di Vestenanova Massimo Camponogara, il membro del Comitato del premio letterario "Emilio Salgari" Sonia Salgari, il professor Silvino Salgaro, presidente del dipartimento di Discipline storiche artistiche, archeologiche e geografiche dell’Università degli Studi di Verona, l'amministratore unico di Provincia di Verona Turismo Loris Danielli, il rettore del Santuario della Madonna del Frassino di Peschiera Padre Pio Pradina.

Ci saranno 6 tappe, una per ogni zona della provincia veronese, dedicate a percorsi storico-artistici, architettonici, culturali e naturalistici, unendo la bellezza delle escursioni e delle passeggiate in montagna de “I Tesori del Baldo e della Lessinia” alle visite guidate e gratuite di interesse storico, artistico, architettonico de “I Tesori Sconosciuti”. Oltre a questo, si

powered by social2s